Consulente e agente immobiliare: caratteristiche e differenze


Quando si è in procinto di cambiare casa o di acquistare un nuovo appartamento, spesso si è spinti a contattare un agente immobiliare o a rivolgersi a un consulente immobiliare, magari credendo di avere a che fare con due figure professionali identiche e sovrapponibili.

In realtà non è così, poiché i loro ruoli sono diversi, e confonderli potrebbe complicare la buona riuscita di una eventuale compravendita. Un consulente immobiliare, in particolare, è un soggetto che viene reclutato per favorire gli interessi di chi lo assolda, con consigli e mansioni che non sono previste, per esempio, nel caso di un agente immobiliare.

consulente agente immobiliareScendendo più nel dettaglio, tra i compiti di un consulente c’è quello di provvedere a una meticolosa e accurata analisi della sezione tecnica relativa all’immobile, con riferimento in modo particolare allo stato dell’urbanistica e alla situazione del catasto, ma anche ai documenti e, più in generale, a tutti quegli elementi che hanno a che fare con le compravendite o con le eredità.

Il consulente deve tenere in grande considerazione le reali ed effettive necessità del proprio cliente, comunicando in continuazione con lui per fornirgli le soluzioni più adatte e per dirigerlo verso le scelte migliori per i suoi interessi. La cosiddetta consulenza immobiliare abilitata corrisponde al compito di un consulente, il quale deve essere dotato di ottime capacità di vendita e di abilità persuasive di alto livello.

Decisamente diverso è, invece, l’impegno per un agente immobiliare, il quale è tenuto prima di tutto a tenere sotto controllo i trend del mercato immobiliare, prestando attenzione all’evolversi delle normative in vigore per aiutare e supportare tutti gli attori che sono coinvolti in una compravendita.

Un agente immobiliare ha, tra l’altro, conoscenze in materia di diritto privato e di diritto pubblico; in più, si intende di contratti e sa come redigerli al termine delle trattative. In sintesi, mentre il consulente è chiamato a difendere e a favorire gli interessi di una sola parte, l’agente deve mettere in contatto le due parti, cioè il venditore e il potenziale acquirente, restano imparziale.

La mediazione non può essere svolta, di conseguenza, da un consulente immobiliare: quest’ultimo, inoltre, è tenuto a iscriversi presso il Ruolo degli Agenti di Affari in Mediazione; in caso contrario non ha la possibilità di esercitare non essendo abilitato.

Chi contatta l’immobiliare Percassi, comunque, ha la certezza di poter contare sempre su professionisti al proprio servizio, affidabili e lungimiranti, a Bergamo e nel resto della Lombardia.

Potrebbero interessarti

LEAVE A COMMENT